Analisi degli incidenti di Renault | Moditech.com
Mercoledì, Gennaio 30th 2019
Read our Newsletter online

Trovaci anche noi:      

Analisi degli incidenti di Renault

Novità da Moditech Rescue Solutions BV

Due istruttori di Moditech hanno visitato di recente il Techno Center di Renault a Guyancourt (Francia). Durante un convegno sono state fatte alcune valutazioni sulla divisione Analisi degli incidenti di Renault, con il relativo metodo di lavoro. Si è parlato anche della ricerca correlata QUO VADIS. In questa newsletter vogliamo condividere le nostre esperienze.

Inoltre, gli utenti della nostra app IOS dovranno aggiornare il profilo Apple. È importante scaricare la nuova versione software della nostra app dal nostro sito.

Ulteriori informazioni su questi argomenti nella nostra newsletter questo mese!

 

NUOVA VERSIONE CRS

Il mese scorso è stata rilasciata una nuova versione del CRS. Questa versione contiene una serie di miglioramenti rispetto alla vecchia versione. Questa versione è necessaria per la piattaforma Apple, perché l'attuale Provisioning Profile Apple scade il 22 febbraio 2019. Il nuovo profilo scade il 30 ottobre 2019. 

Per utilizzare la nuova applicazione, è necessario prima scollegare il codice della licenza dall'applicazione attuale. Dall’attuale Crash Recovery System procedere con Impostazioni > Gestione licenza e prendere nota del codice della licenza che è collegata al dispositivo corrispondente. Fare clic poi su Elimina licenza. È ora possibile eliminare l’applicazione dal dispositivo.

Installare poi la nuova applicazione del Crash Recovery System tramite questi link. Selezionare il sistema operativo del dispositivo e fare il download del CRS. Una volta effettuato il download, inserire il numero della licenza annotato nella nuova applicazione tramite l’opzione Attiva licenza CRS. La nuova app è pronta per l’uso!

NOTA BENE: Se non si installa questo aggiornamento, l’installazione di CRS per i dispositivi iOS dopo il 22 febbraio 2019 non sarà più operativa.

 

LA DIVISIONE ANALISI DEGLI INCIDENTI DI RENAULT 
La divisione Analisi degli incidenti di Renault ha oltre 500 dipendenti. Questa divisione riceve un foglio elettronico settimanale dal Ministero della Giustizia contenente segnalazioni di incidenti stradali in tutta la Francia. Da questa lista vengono selezionati gli incidenti più gravi (con feriti gravi/ morti) in cui è stata coinvolta una Renault. Un team si propone poi di analizzare i dati dell'incidente e si raccolgono i dati che si riferiscono all’incidente stesso.

Il primo passo è la sostituzione di tutte le parti che si sono staccate. Si fotografa poi il veicolo da 8 posizioni diverse (davanti e dietro – laterale – da ogni angolo).

 
Immagini: Sostituzione dei pezzi dopo un incidente

Il veicolo in questione viene poi comparato con un veicolo non danneggiato dello stesso tipo, sulla base di una lista con 200 punti. Tutte le informazioni ottenute sono memorizzate in un database. Un altro compito del team è quello di fare un elenco delle ferite riportate dalle persone coinvolte. Vengono scattate altre foto di alcuni dettagli specifici, come le tracce di rossetto su un airbag, segni d'urto e danni alle cinture di sicurezza. Dalle tracce di rossetto e dalle ferite della vittima si può analizzare se l'airbag si è aperto al momento giusto e all'altezza corretta (vedi sotto).

 
Immagini: Airbag attivato con una traccia di rossetto

Altre specifiche: tracce dell’urto. Renault Mégane incidentata da dietro. Il conducente è morto a causa delle gravi ferite riportate.


Imm.1: Danni rilevanti alla parte posteriore del veicolo


Imm.2: Schienale rotto a causa dell’urto

 
Imm. 3 e 4 La vittima ha subito tra l’altro gravi lesioni alla testa e al collo a causa dell’urto con il tettuccio


Imm. 5: Ammaccatura del tettuccio causata dalla testa della vittima

A causa della statura (1 metro e 95) e dell'impatto, la vittima ha subito gravi lesioni alla testa e al collo con conseguente decesso. Se la vittima fosse stata più bassa probabilmente sarebbe sopravvissuta all'incidente.

Grazie a queste analisi, Renault dispone al momento di un database con oltre 18.000 tipi di veicoli e 32.000 vittime. Con questo database, Renault può avere una panoramica affidabile degli incidenti più comuni e di quali danni portano a determinate lesioni. Può anche venire a conoscenza del fatto che ci sono tuttavia differenze nelle lesioni dovute all'età, al peso e all'altezza della vittima. Anche la posizione della vittima nel veicolo può fare la differenza.

Al momento la divisione Analisi degli incidenti dedica particolare attenzione agli incidenti che coinvolgono veicoli elettrici. I veicoli elettrici presentano rinforzi in punti diversi rispetto ai veicoli “normali” e sono molto più pesanti. Questa specifica crea un diverso meccanismo di incidente.

Gli analisti hanno concluso quanto segue:

  • I veicoli elettrici non si scollegano dall’alimentazione in caso di incidenti a bassa velocità
  • Questi veicoli non sono messi in protezione, a causa dell'assenza dei vigili del fuoco in incidenti simil

IMPORTANTE! L’interruttore di servizio/ l’interruttore di disinserimento di emergenza sui veicoli elettrici non sono quasi mai scollegati. Sulla base di un’analisi effettuata su alcune Renault Zoe si è arrivati alla conclusione che ciò sia dovuto principalmente al fatto che l'interruttore di emergenza si trova davanti al sedile del passeggero anteriore e cioè proprio dove siedono i soccorritori durante le operazioni di soccorso. Non si può quindi fare a meno dei soccorritori per raggiungere l'interruttore di emergenza.


Immagine: Immagine CRS Renault Zoe. Interruttore di servizio/ Interruttore di disinserimento dell’airbag per il passeggero anteriore

NOTA BENE! Un'altra conclusione degli analisti è che gli airbag non si aprono sempre, neppure se l’impatto è di proporzioni tali da attivare un airbag. Gli airbag non si aprono inoltre quasi mai in caso di collisione posteriore.

 
Immagini: Collisione frontale con danni ingenti, nessun airbag attivato.

Il veicolo non ha riconosciuto l'incidente, altrimenti gli airbag si sarebbero aperti. C'è la possibilità che la trasmissione sia ancora attiva in una situazione simile.


Immagine: Pagina di consultazione Disattivazione CRS Renault Zoe

 

LA RICERCA QUO VADIS
In questa ricerca è stata esaminata la relazione tra l'attuale analisi degli incidenti e l'applicazione del triage corretto con le vittime della strada. Tutti i servizi di assistenza interessati (anche quelli di soccorso e di emergenza) hanno collaborato nel periodo 2015-2017.

Risultati della ricerca
È diventato più chiaro il legame tra l'Analisi degli incidenti attuale e l’applicazione di un triage corretto con le vittime della strada. I dati raccolti da questa ricerca si combinano a quelli degli analisti degli incidenti di Renault in una meta-analisi. Secondo quest’ultima analisi c'è una grossa differenza tra le lesioni previste e quelle effettivamente diagnosticate. Per questo motivo le lesioni vengono regolarmente sottovalutate, causando un undertriage.

  • Undertriage: livello di assistenza troppo basso, ad esempio il trasporto di una vittima con ferite gravi in una clinica in cui non è possibile fornire un'assistenza adeguata
  • Overtriage: livello di assistenza troppo elevato e cure eccessive prestate alla vittima

Nella pratica si è constatato che si verifica ripetutamente un triage errato. Un'altra osservazione da fare è che in molti casi l'assistenza non è intervenuta in modo tempestivo.

IMPORTANTE! Renault e altri costruttori di veicoli cercheranno sempre di ottenere il veicolo più sicuro possibile, ma non possono escludere incidenti. Per questo motivo si rivolgono ai servizi di emergenza con suggerimenti importanti. Necessario garantire che le tecniche in materia di soccorso e di liberazione delle vitttime si sviluppino in linea con il design di veicoli moderni; necessario garantire inoltre informazioni aggiornate sui veicoli che contribuiscano a migliorare l'assistenza. Ciò vale anche per l'assistenza medica.

 

PROSSIMA 
Nella prossima newsletter condivideremo altre notizie su questo convegno. C'è poi anche molta l'attenzione sugli sviluppi nel campo dei crash test e dei manichini da crash test.

Abbiamo destato la vostra curiosità? Continuate a leggerci!​